Media relations

Comunicati stampa

28.05.2021
Con questa operazione il portafoglio di investimenti di Anima Alternative 1 supera il 20% del patrimonio

Anima Alternative Sgr annuncia l’investimento nel gruppo Gnutti Cirillo. L’investimento è avvenuto tramite l’erogazione di un finanziamento subordinato a lungo termine, che si affianca al finanziamento erogato da un pool di primari istituti bancari, per realizzare l’acquisizione da parte di Giuliano Gnutti del 50% non ancora di sua proprietà di Gnutti Cirillo SpA.

Il gruppo Gnutti Cirillo è stato fondato nel 1951 dalla famiglia Gnutti ed è leader italiano nello stampaggio a caldo e nella lavorazione meccanica dell’ottone e di altri metalli non ferrosi con applicazioni nel mondo dell’industria e dell’idrotermosanitario. Il gruppo ha sede a Lumezzane (BS) ed è composto da diverse società operative, in particolare Gnutti Cirillo SpA e Tiemme Raccorderie SpA attive, a livello globale anche tramite controllate negli Stati Uniti e in diversi paesi europei. Nel 2020 il gruppo ha realizzato più del 60% del suo fatturato all’estero e, insieme ai suoi 660 dipendenti, ha dimostrato una notevole resilienza e capacità di adattarsi al contesto derivante dalla diffusione del covid-19.

L’investimento nel gruppo Gnutti esemplifica chiaramente la vocazione di Anima Alternative ad affiancare, con strumenti di lungo termine, imprenditori o investitori nella loro attività di sviluppo. Questa operazione, insieme agli altri due investimenti già completati, porta il portafoglio d’investimenti a superare il 20% di Anima Alternative 1 dopo pochi mesi dall’avvio della sua operatività.

“Il gruppo Gnutti – commenta Philippe Minard, amministratore delegato di Anima Alternative Sgr - rappresenta un’eccellenza italiana nel suo settore e siamo molto lieti di affiancare Giuliano Gnutti in questa nuova fase di sviluppo del gruppo. Il completamento dell’operazione conferma che il nostro posizionamento risponde in modo corretto alle esigenze di investitori alla ricerca di capitali di medio-lungo termine”.

“Abbiamo trovato in Anima Alternative un partner flessibile e affidabile”, dichiara Giuliano Gnutti, Amministratore Delegato del gruppo Gnutti - che ci ha messo a disposizione la soluzione migliore per accompagnare il nostro gruppo nel completamento di un’operazione articolata”.

 20210601_Nota_AA_Gnutti.pdf

07.01.2021
A seguito del nulla osta ricevuto da Consob a dicembre 2020, Anima Alternative ha avviato la commercializzazione del suo primo fondo

Anima Alternative Sgr, società di gestione del risparmio focalizzata sugli investimenti in private market e interamente controllata da ANIMA Holding, a seguito del nulla osta ricevuto da Consob nel mese di dicembre 2020, ha avviato la commercializzazione del suo primo fondo, per cui ha già ottenuto impegni di sottoscrizione e approvazioni da parte di investitori professionali per un totale di circa 117 milioni di euro.

Il Fondo ha predisposto il primo closing e avvierà la sua operatività nel mese di gennaio 2021.

In particolare, il Fondo Anima Alternative 1, promosso e supportato del Gruppo ANIMA, ha ottenuto adesioni dal Fondo Italiano di Investimento in qualità di cornerstone investor tramite il suo FoF Private Debt Italia, e da altri primari investitori professionali. Inoltre, il Fondo Europeo per gli Investimenti ha approvato la partecipazione ad un successivo closing, anch’esso come cornerstone investor.

Anima Alternative 1 è un fondo d’investimento alternativo chiuso, riservato e di diritto italiano il cui obiettivo di raccolta è di 150 milioni di euro (con un hard cap di 200 milioni).

Il fondo investirà prevalentemente in strumenti di debito (debito senior, unitranche / second lien e debito mezzanino) anche in direct lending e per una quota del 20% circa in partecipazioni azionarie di minoranza. Il fondo ha come target di investimento aziende italiane in buona salute, sia Pmi (fino a 250 dipendenti) che mid-cap (fino a 3.000 dipendenti), che necessitino di finanziamento a lungo termine, anche sotto forma di capitale di rischio, per accompagnare il proprio sviluppo.

“A seguito del primo closing, inizieremo l’attività di investimento”, dichiara Philippe Minard, Amministratore delegato di Anima Alternative, “abbiamo già individuato dei potenziali target e notiamo che, nel delicato contesto attuale, l’ampia flessibilità che caratterizza il Fondo suscita interesse da parte di aziende italiane alla ricerca di un partner finanziario di lungo termine”.

“Siamo molto soddisfatti dei primi riscontri ottenuti dal mercato e di poter annoverare tra gli aderenti al progetto alcuni dei più importanti investitori istituzionali, fra cui il Fondo Italiano di Investimento e il Fondo Europeo per gli Investimenti. La loro fiducia ci consente di avviare ora una seconda fase di raccolta”, afferma Andrea Mandraccio, direttore commerciale di Anima Alternative.

 CS_AnimaAlternative_Closing_20210107.pdf

15.09.2020
Anima Alternative 1 è un fondo di direct lending destinato a investitori istituzionali. Obiettivo di raccolta: tra 150-200 milioni di euro

Anima Alternative Sgr, società di gestione del risparmio focalizzata sugli investimenti in private market e interamente controllata dal Gruppo ANIMA, ha presentato oggi il suo primo fondo, Anima Alternative 1, nell’ambito dell’evento digitale Investire sull'Italia: Strategie, strumenti e protagonisti.

Anima Alternative 1 è un fondo chiuso di diritto italiano di direct lending, riservato a investitori istituzionali. Il primo closing del fondo è previsto entro la fine del 2020, con un obiettivo di raccolta tra i 150 e i 200 milioni di euro.

Il fondo investirà prevalentemente in strumenti di debito (debito senior, unitranche / 2nd lien e debito mezzanino) e per una quota del 20% circa in partecipazioni azionarie di minoranza.

Il fondo ha come target di investimento aziende italiane, sia Pmi (fino a 250 dipendenti) sia mid-cap (fino a 3.000 dipendenti).

Il lancio di questo primo fondo è un passo importante nel percorso di diversificazione del nostro business in un’area, quella dei private market, di grande interesse per rispondere alla ricerca di fonti di rendimento alternative da parte della nostra clientela e complementare rispetto ai segmenti di mercato che già copriamo”, dichiara Alessandro Melzi d’Eril, Amministratore delegato di ANIMA Holding e Presidente di Anima Alternative SGR.

Il primo fondo di Anima Alternative ha l’obiettivo di rispondere in modo flessibile alle esigenze di finanza a medio-lungo termine delle Pmi italiane e rappresenta il punto di partenza nella costruzione di una piattaforma italiana di fondi alternativi, che comprenderà fondi di private debt nonché altre asset class”, dichiara Philippe Minard, Amministratore delegato di Anima Alternative.

Abbiamo già raccolto l’interesse di alcuni investitori istituzionali italiani di primo piano a partecipare in modo significativo al fondo”, afferma Andrea Mandraccio, direttore commerciale di Anima Alternative, “siamo soddisfatti dei segnali di fiducia che stiamo raccogliendo in questo nuovo progetto, che allarga ulteriormente le soluzioni di ANIMA dedicate agli investitori istituzionali”.

 CS_AnimaAlternative_Fondo1_20200915_.pdf

29.07.2020
Banca d’Italia autorizza la nuova società del Gruppo ANIMA focalizzata sui private market

Anima Alternative Sgr ha ricevuto da Banca d’Italia l’autorizzazione a operare.

La società di gestione del risparmio, interamente controllata dal Gruppo ANIMA, è stata costituita nel mese di febbraio 2020 ed è focalizzata sugli investimenti in private market.

I programmi di sviluppo di Anima Alternative prevedono come primo passo il lancio di un fondo di direct lending entro il 2020.

La creazione di Anima Alternative è un passo importante in un percorso di diversificazione del business e di rafforzamento delle capacità del Gruppo ANIMA nell’offrire soluzioni dedicate per investitori istituzionali”, dichiara Alessandro Melzi d’Eril, Amministratore delegato di ANIMA Holding e Presidente di Anima Alternative SGR; “i private market sono un’opportunità interessante per rispondere alla crescente ricerca della nostra clientela di fonti di rendimento alternative a quelle tradizionali e riteniamo che ci sia spazio in Italia in questo segmento per un operatore come Anima”.

Con l’autorizzazione di Banca d’Italia siamo ora pienamente operativi e possiamo proseguire nel nostro percorso di start up, che prevede già entro la fine dell’anno il lancio di un primo prodotto, un fondo chiuso di direct lending di diritto italiano”, aggiunge Philippe Minard, Amministratore delegato di Anima Alternative.

 CS_AnimaAlternative_Aut_20200729.pdf