Le soluzioni

Il primo fondo, Anima Alternative 1, è il punto di partenza nella costruzione di una piattaforma italiana di fondi alternativi.

Operativa da metà 2020, Anima Alternative ha già lanciato il suo primo fondo, Anima Alternative 1, con impegni sottoscritti o approvati per circa 117 milioni di euro.

Si tratta di è un fondo chiuso di diritto italiano di direct lending, riservato a investitori professionali. Il primo closing del fondo è previsto entro la fine del 2020, con un obiettivo di raccolta tra i 150 e i 200 milioni di euro.

Il fondo investirà prevalentemente in strumenti di debito (debito senior, unitranche / 2nd lien e debito mezzanino) e per una quota del 20% circa in partecipazioni azionarie di minoranza.

Un approccio flessibile

Il fondo ha come target di investimento aziende italiane, sia PMI (fino a 250 dipendenti) sia mid-cap (fino a 3.000 dipendenti), con un fatturato non superiore a 500 milioni di euro.

Grazie all’ampia gamma di strumenti disponibili, Anima Alternative 1 potrà costruire su misura soluzioni flessibili di finanziamento a lungo termine o di rafforzamento patrimoniale investendo indicativamente tra 7 e 20 milioni di euro in una quindicina di aziende selezionate.

Anima Alternative 1 rappresenta il punto di partenza nella costruzione di una piattaforma italiana di fondi alternativi, che comprenderà fondi di private debt nonché altre asset class.

Le aree di investimento

Nello spettro degli investimenti alternativi, la prima area coperta da Anima Alternative sarà quella del direct lending.